Posted by clara on Ott - 31 - 2012 under marmellate&composte
Ingredients

Zucchine lunghe tipo siciliane
Zucchero 500 g ogni kg di polpa netta di zucchine
Il succo di 1 limone grande

Cuisine: Cooking time: 3 ore mins Serving: 00 people

 

Italian Cucuzzata: Jam long zucchini.   Nata in  uno dei conventi siciliani, di quelli che hanno dato i natali a tante delle produzioni dolciarie dell’isola, la cucuzzata di zucchine lunghe è ormai una confettura tipica di tutta la regione. Da non confondersi con un’altro prodotto tipico dalle origini antiche, la cucuzzata di zucca o zuccata, prodotta appunto con la zucca matura; e da non confondere nemmeno con la cucuzzata salentina (o pugliese); di tutt’altro genere, è una sorta di “pane” arricchito di zucca o zucchine, olive, cipolla, pomodorini ed altri ingredienti (che magari spiegheremo meglio in un’apposita a ricetta).

Facciamo una bella scorta di questa confettura, che oltre ad essere buonissima consumata canonicamente nella colazione del mattino o sulle crostate, costituisce anche il cuore, o la farcia, indispensabile per quelli che molti definiscono fra i più antichi dolcetti siciliani: “i”,  o “le” Cucchiteddi o “Cucchitelle”, come da ricette esclusive  di  Cuciniamoinsieme.it…

 

Ricetta “I cucchiteddi 1 parte”

Ricetta “I cucchiteddi 2 parte”

 

Esecuzione in 4 step:

– Fase 1: tagliamo le estremità delle zucchine e peliamole con un pelapatate. Per praticità tagliamole in due-tre pezzi a seconda della lunghezza, e a loro volta tagliamo in 4 nel senso della lunghezza i pezzi. Elimianiamo eventuali parti troppo spugnose e i semi più grandi,  e con l’aiuto di una mandolina affettiamo molto sottilmente. Possiamo anche grattugiarli con una grattugia per verdure.

-Fase 2: pesiamo la polpa ottenuta e versiamola nella solita pentola in acciaio pesante e dal fondo spesso. Poniamo la pentola sul fornello opportunamente munito di spargifiamma. Aggiungiamo zucchero per la metà del peso della polpa (su 1 kg di polpa useremo 1/2 kg di zucchero o poco più se vi piace). Le zucchine contengono molta acqua, quindi abbassiamo il rapporto zucchero-materia prima rispetto alle dosi consuete, che più o meno in genere si attestano a circa 800 g di zucchero per chilo.

Aggiungiamo il succo del limone (uno grande per i circa due chili di polpa che abbiamo utilizzato noi). Spremuto e poi opportunamente filtrato. E  mezzo bicchiere di acqua.  Accendiamo la fiamma e a fuoco medio-alto, girando per sciogliere lo zucchero, portiamo a bollore.

Abbassiamo la fiamma e a circa metà cottura (cioè dopo un’ora e mezza), inseriamo nella pentola il frullatore ad immersione e frulliamo la polpa a piacere, più o meno fine. Questa operazione non è necessaria se avremo grattato  le zucchine anziché affettarle.

-Fase 3: ancora un’ora e mezza di cottura a fuoco basso mescolando sempre più spesso, o comunque quando dalla prova-piattino si evince che la confettura è pronta (messa sul piattino e posto questo in verticale,  una piccola quantità non scivola ma rimane ben ferma), e prepariamoci ad invasare senza spegnere la fiamma.

-Fase 4: proteggiamoci le mani con un canovaccio ripiegato e riempiamo i vasetti che avremo sterilizzato così come i tappi. Chiudiamo ermeticamente e capovolgiamoli. Teniamoli così finché non saranno completamente freddati.

Conserviamo in un luogo fresco e asciutto, e se apriamo un vasetto poi conserviamolo in frigo, e consumiamo la confettura quanto prima.

 

La zuccata di zucchine lunghe: fu amore al primo morso…

Qualche anno fa mi capitò di scrivere di una mongolfiera: un pallone aerostatico bellissimo che racchiudeva in sé tutti i colori dell’arcobaleno. Qualche giono dopo mi recapitarono un vassoio enorme: quale il mio stupore quando vidi che era colmo di dolci siciliani a forma di…mongolfiera. Sorvolo… perdonate il giro di parole… sui dettagli, perché quel che più conta era che il mittente mi suggeriva di chiamarlo se avessi voluto sapere di cosa erano farciti. Erano meravigliosi, sprigionavano un’inteso profumo di mandorla, ed il cuore era morbido, verdastro, cedevole ma non troppo: confettura, era confettura. Ma di cosa? Allora non seppi definirla ma… fu amore al primo morso!

Telefonai, eccome. Mi disse che quei dolci provenivano dalle cucine di non so più quale monastero siciliano, e che la marmellata era fatta con le… zucchine. Ma come, zucchine? Sì, le zucchine lunghe siciliane. Nulla di più… su quei dolci…

Ne parlai a mia suocera, che era originaria di Gaggi, in Sicilia, ma figlia di una palermitana. E mi disse che lei quella marmellata la sapeva fare. E pure quei dolci, che altro non erano, mi disse al solo vederli,  se non dei “Cucchiteddi” a forma di mongolfiera.

E mi insegnò a fare entrambi. A lei lo insegnò sua mamma. A me lei. E io lo spiego a voi, perché queste ricette antiche non vadano perse nell’oblio dell’indifferenza…

E quando faccio la cucuzzata o i cucchiteddi, il mio pensiero vola sempre in alto, verso una mongolfiera che si libra nel cielo terso, libera dai vincoli e più leggera dell’aria, come un arcobaleno che chiude il suo arco nell’infinito…

 

 

Cliccare, e poi cliccare ancora sulle foto in basso  per ingrandirle…

Testi e foto (ove non specificato), copyright e proprietà intellettuale di Cuciniamoinsieme.it. Ne sono vietati l’uso e/o la riproduzione anche solo parziale senza previa autorizzazione.

 

 

Meal: Food type:

5 Responses so far.

  1. lastufaeconomica ha detto:

    Ma che buonaaaaa, io adoro tutto quanto riguarda la Sicilia. Scusa sai, ma……me ne prepari un vasetto? Vengo a prenderlo.

    • clara ha detto:

      🙂 Per te anche due… e pure un po’ di cucchiteddi và… ma non lo dire a nessuno… 😉

      • salvino barbera ha detto:

        le cucchitelle sono un dolce tipico sciacca(AG)
        ed erano costituite da pasta di mandorla ripena di zuccata e velate leggermente con zucchero sciolto.(Suore di clausura Badia Grande e ultimi detentori della ricetta donna Mariddra e don Turiddru Gallo)
        Avevano un particolare profumo dovuto all’acqua dell’impasto della velata o della pasta di mandorla a cui era stata aggiunta essenza di gelsomini e foglie di rose.
        Oggi c’è chi la velatura la fà con zucchero a vello e con velature al pistacchio.

        • clara ha detto:

          Grazie Salvino. Il tuo commento è davvero prezioso, perché di questo meraviglioso dolce antico, le Cucchitelle o i Cucchiteddi, si sa così poco. Quanto pubblicato appartiene ai ricordi di una famiglia trapiantata fuori della Sicilia, e quando parliamo di ricette così datate nel tempo si sà che poi ogni famiglia tramanda la propria. Ma sono radici da non perdere, assolutamente… quindi ogni contributo è presioso per scriverne la storia… quindi ancora grazie! ^_^

          Per chi ci legge, spiego che la Cucuzzata in questione è ingrediente fondamentale del ripieno di un antico dolcetto siciliano, praticamente ormai scomparso, quelli che io chiamo Cucchiteddi, e Salvino, Cucchitelle. Potete vedere la ricetta, pubblicata in due parti su Cuciniamoinsieme.it, qui sotto:

          http://www.cuciniamoinsieme.it/recipes/antica-i-cucchiteddi-1/

          http://www.cuciniamoinsieme.it/recipes/antica-i-cucchiteddi-2/

  2. I just want to say I am all new to blogging and site-building and really liked your page. Very likely I’m going to bookmark your website . You amazingly have impressive articles. Thank you for sharing with us your webpage.

Leave a Reply


Ricette Recenti

Mediterranea. Agretti appetitosi in...

Pubblicata il Apr - 5 - 2017

0 Comment

Semplice. Pasta con zucchine...

Pubblicata il Apr - 2 - 2017

0 Comment

Frittatona ai topinambur (carciofi...

Pubblicata il Feb - 27 - 2017

0 Comment

“La patatosa”: base con...

Pubblicata il Feb - 25 - 2017

0 Comment

Articoli recenti

Le tecniche. Zucchine spinose...

Pubblicato il Mar - 12 - 2017

0 Comment

Le tecniche. Stinco di...

Pubblicato il Nov - 20 - 2016

0 Comment

Le tecniche: pectina di...

Pubblicato il Set - 18 - 2016

0 Comment

Le tecniche. Salse: “Verde”...

Pubblicato il Mar - 20 - 2016

0 Comment