Posted by clara on Apr - 24 - 2017 under Conserve, Dolci, marmellate&composte
Ingredients

Per ogni chilo di polpa mondata di pere non granulose:
Zucchero semolato 600-700 g
1/2 limone, solo il succo
1/2 limone, solo la buccia (soltanto il giallo) grattugiata
Mandorle sbucciate e tostate, 30-40 gr
Cannella, un pezzo di stecca

Cuisine: Cooking time: circa 120 mins Serving: 00 people

 

Italian. Pear, almond and cinnamon jam. Intensa ma delicata, laddove le mandorle fanno da connubio al matrimonio perfetto fra le pere e la cannella. Un equilibrio di sapori assolutamente da provare, per un tocco di dolce al di fuori degli schemi.

 

Esecuzione in 4 step, per 1 chilo di polpa mondata di pere:

-Fase 1: peliamo le pere ed eliminiamo picciolo, torsolo, ed eventuali parti ammaccate o scurite.  Tagliamole  a dadini e pesiamole. Aggiungiamo il succo di limone e mescoliamo. Quindi uniamo lo zucchero; mescoliamo ancora con cura. Lasciamo riposare almeno un paio d’ore in luogo fresco.

Intanto tritiamo grossolanamente le mandorle, e dosiamo la cannella, un pezzetto di stecca ogni chilo di polpa di pere.

-Fase 2: mettiamo tutto in pentola e sulla fiamma. Mescoliamo bene ed aggiungiamo la cannella. Portiamo a leggero bollore, e cominciamo ad eliminare la schiuma quando affiorerà in superficie.  Continuiamo a cuocere a fuoco medio per circa un’ora, mescolando di tanto in tanto.

-Fase 3: eliminiamo temporaneamente la cannella. Facendo attenzione inseriamo nella pentola un minipimer e dosando la velocità frulliamo per rendere liscia la nostra confettura. Più o meno fine, secondo gusti. Non sarà un guaio se qualche pezzetto resterà intero, anzi…

Rimettiamo la pentola sulla fiamma, reinseriamo la cannella e aggiungiamo la buccia grattugiata del limone, solo il giallo naturalmente.

-Fase 4: continuiamo la cottura mescolando stavolta più spesso. Dopo ancora mezz’ora aggiungiamo le mandorle.  Portiamo a cottura cominciando a fare dopo circa un quarto d’ora la fatidica prova-piattino (leggi in basso).

Proteggendoci le mani con un canovaccio e con l’aiuto di un mestolino imbarattoliamo la nostra confettura ancora bollente, in  barattoli sterilizzati.

Poniamo i barattoli appena tappati, a testa in giù su un piano che non sia di marmo o freddo, onde evitare lo shock termico. Lasciamo freddare a testa in giù. Quindi capovolgiamo, etichettiamo e conserviamo in luogo fresco, buio e asciutto. Conserviamo in frigo dopo aperto.

Questa confettura si mantiene per lungo tempo. E’ ottima  per colazioni o merende, o per farcire dolci e dolcetti e crostate. Ottima insieme ai gelati, specie al cioccolato fondente. Assolutamente fantastica sui formaggi.

 

Vedi anche:

“Confettura mandorlata di pesche”, “Confettura vellutata di ciliegie e basta!”, “Confettura di prugne nere, come una volta…”, “Confettura di kiwi, con note di limone”, “Confettura di cipolle tropeane, cannella, garofano, rum e zibibbo”,  “Mostarda di peperoni (confettura o composta”, “Antica: cucuzzata (confettura) di zucchine lunghe”,  “Confettura di mele cotogne”, “Miele di mele cotogne”, “Miele di cotogne al peperoncino, da bucce e torsoli”, “Crema (confettura) finta di marroni alla vaniglia.

 

Note:

-Scegliete pere di tipo non granuloso, che siano mature ma integre.

-Se non disponete di un minipimer, o frullatore ad immersione, e non amate le confetture a pezzi, passate il tutto al passaverdure dopo aver intiepidito la preparazione.

 

Consigli&segreti in cucina:

-Per cuocere marmellate e confetture munitevi sempre di una pentola  dal fondo pesante, e di unretino  spargifiamma, che ha l’importante funzione di distribuire uniformemente il calore sotto alla pentola, evitando che ciò che cuociamo si attacchi e bruci.

-Schiumare durante la cottura confetture e marmellate non influisce sul sapore, ma rende la preparazione più raffinata, lucida e limpida.

-La prova-piattino: metodo empirico che serve a testare il grado di cottura di marmellate e confetture. Basta lasciarne colare una piccola quantità su un piattino  che sia freddo (in estate tenetelo per una decina di minuti nel congelatore). E poi inclinate il piatto: se la preparazione sarà soda e scivolerà molto lentamente, è cotta. Più velocemente scorrerà verso il basso e più dovrà ancora cuocere. Considerate anche che una volta fredda rassoderà. Quindi non cuocetela troppo se non vorrete una confettura troppo soda, o peggio bruciata.

 

Lo sapevate che…. la pera non è un frutto?

Chi crede che la pera sia un frutto sbaglia. In realtà si tratta di un pomo, cioè un falso frutto,  appartenente al genere Pyrus di cui fanno parte molte specie differenti; tra queste anche il melo, il cotogno e le nespole comunemente chiamate Pomacee. Altri esempi di piante il cui frutto è classificato come pomo sono il biancospino, il nespolo del Giappone, il nespolo d’inverno, l’azzeruolo, e ahimé, l’ormai quasi scomparso  sorbo.

Il vero frutto delle Pomacee, e dunque anche del pero, è la parte del torsolo che contiene i semi e che noi praticamente scartiamo. Al contrario, la parte accresciuta attorno al torsolo e che noi gustiamo,  non è originata della fecondazione come nei comuni frutti,  e quindi non è botanicamente definibile come tale.

 

Massime, citazioni, detti, proverbi, aforismi e frasi…

“Al contadino non far sapere, quanto è buono il formaggio con le pere…” (Antico proverbio popolare)

 

Testi e foto (ove non specificato), copyright e proprietà intellettuale di Cuciniamoinsieme.it. Ne sono vietati l’uso e/o la riproduzione anche solo parziale senza previa autorizzazione. 

Cliccare, e poi cliccare ancora sulle foto in basso  per ingrandirle…

 

 

 

 

 

 

Meal: Food type:

Leave a Reply


Ricette Recenti

Raffinata: confettura di pesche...

Pubblicata il Set - 16 - 2017

0 Comment

Zucchine menta e zenzero

Pubblicata il Set - 3 - 2017

0 Comment

Light: cipolle borettane stufate...

Pubblicata il Ago - 22 - 2017

0 Comment

Vintage: avocado al cucchiaio

Pubblicata il Ago - 6 - 2017

0 Comment

Articoli recenti

Le tecniche. Zucchine spinose...

Pubblicato il Mar - 12 - 2017

0 Comment

Le tecniche. Stinco di...

Pubblicato il Nov - 20 - 2016

0 Comment

Le tecniche: pectina di...

Pubblicato il Set - 18 - 2016

0 Comment

Le tecniche. Salse: “Verde”...

Pubblicato il Mar - 20 - 2016

0 Comment