Ingredients

Dentice (o altro pesce) 1 da almeno 1 kg
(o 4 monoporzione da 300-350 g)
Patate grandi, un paio
Zucchine medio-grandi, un paio
Carote grandi, un paio
Aglio, almeno 2 spicchi
Timo fresco, 1 mazzolino
Prezzemolo fresco, a piacere
Qualche scorzetta di limone (solo il giallo)
Sale quanto basta
Pepe secondo gusti
Olio extravergine di oliva qb

Eventuale:
Vino bianco 1/2 bicchier scarso

 

Italian light recipes: red snapper baked with vegetables and thyme. Light. Che sia dentice è solo un caso: possiamo cucinare in questo modo anche qualsiasi altro pesce di mare, tipo spigola, cernia, ombrina, orata, mormora eccetera, o d’acqua dolce tipo coregone o luccio.  Quello che otterremo sarà un piatto unico molto digeribile e saporito, perché il pesce cederà il suo aroma alle verdure , e il timo farà il resto…

Ottimo soprattutto nel periodo estivo anche tiepido, è un secondo veloce e d’effetto da annotare nel vostro ricettario…

 

Esecuzione per 4 persone (in 4 step):

-Fase 1: evisceriamo e squamiamo il pesce. Facciamo prebollire le verdure: prima le patate in acqua fredda; quando bolle saliamo ed aggiungiamo carote e zucchine. Cuociamo ancora qualche minuto dalla ripresa del bollore a seconda delle dimensioni. Scoliamo e fermiamo la cottura sotto un getto d’acqua fredda per un attimo.

-Fase 2: peliamo e tagliamo a fettine le patate. Peliamo le carote, e tagliamole a becco di flauto. Allo stesso modo tagliamo anche le zucchine, eliminando ad entrambi gli ortaggi le estremità.

Oliamo una teglia da forno: disponiamo prima le fettine di patate; completiamo con zucchine e carote. Condiamo con sale, pepe, prezzemolo tritato e timo. E con uno spicchio d’aglio tagliato in 4 pezzi distribuiti qua e là.

-Fase 3: pratichiamo al pesce un paio di incisioni oblique per lato. Saliamo e pepiamo la pancia, ed aggiungiamo due mezzi spicchi d’aglio, prezzemolo, timo, e 2-3 pezzetti di scorza di limone (solo il giallo). Saliamo l’interno delle tacche ed inseriamovi un rametto di timo.

Fase 4: poniamo il pesce sulle verdure ed inforniamo in forno preriscaldato a 180°. Dopo qualche minuto aggiungiamo mezzo bicchiere scarso d’acqua (o vino bianco) e completiamo la cottura bagnando spesso con il sughetto sia il pesce che le verdure, ed aggiungendo ancora un goccino d’acqua via via se serve. Per un pesce di un chilo sarà sufficiente una mezz’oretta o poco più. Il pesce è cotto quando toccandolo sulla schiena con la forchetta la polpa si staccherà dalla lisca centrale.

Spiniamo e serviamo con le verdure irrorando il tutto col fondo di cottura. In caso di regime alimentare: grissini o quel che vi è consentito, e lesinando sull’olio anche la dieta è servita…

 

Cosa beviamo: Pigato Riviera Ligure di Ponente, o Castel del Monte Doc Sauvignon, oppure un Bolgheri bianco

 

Note:

-Attenzione: sia carote che zucchine (e specialmente queste ultime), vanno bollite intere, comprese le estremità. Se noi togliessimo gli apici, in cottura oltre a disperdere i nutrienti perderebbero il già scarso sapore, ed inoltre si riempirebbero d’acqua, in particolar modo le zucchine: ne risulteranno verdure insipide e mollicce.

-Anziché un pesce grande, potete scegliere di cucinarne 4 monoporzione. La ricetta non cambia di molto salvo che per l’aglio e per i tempi di cottura leggermente minori.

 

Curosità. Dentice o pagro: come distinguerli…

Il dentice è conosciuto fin dall’antichità, ha carni ottime ed è considerato un pesce magro, facilmente digeribile, dalle carni bianche e pregiate, sode, dal sapore abbastanza delicato; molto apprezzato dai consumatori. Ma è facile confonderlo soprattutto con il pagro, specie quando il dentice essendo giovane presenta una colorazione rosata, e allora diventa una questione di sfumature, almeno all’apparenza…. Entrambi infatti appartengono alla grande famiglia degli Sparidi.

Insomma, chi la dice cotta e chi la dice cruda…. chi guarda al profilo del muso, chi all’inclinazione e chi alla lunghezza, chi al colore della pinna caudale e chi alle macchie del corpo. Chi all’età e chi alla zona di pesca, addirittura…

Allora diciamo che per chi non è esperto, e non ha tanta voglia di disquisire spacciandosi per pescatore provetto… sposiamo un metodo sul quale almeno in tanti concordano:….. nel genere dentice (Dentex) i denti sono tutti caniniformi, mentre nel genere Pagrus (pagro, o pàuro) denti canini sono solo quelli anteriori. Attenzione alle fregature dunque: non pagate per dentice quello che seppur ottimo è un pagro…

C’e poi il fragolino…ma questa è un’altra storia….

 

Massime, citazioni, detti, proverbi e aforismi…

“Un pagro è sempre un pagro, anche quando è  marcio…” (Proverbio giapponese)

E cioè si è quel che si è, sempre,  e “Chi nasce quadrato non può morir rotondo…”.

 

Testi e foto (ove non specificato), copyright e proprietà intellettuale di Cuciniamoinsieme.it. Ne sono vietati l’uso e/o la riproduzione anche solo parziale senza previa autorizzazione. 

Cliccare, e poi cliccare ancora sulle foto in basso  per ingrandirle…

 

Meal: Food type:

Leave a Reply


Ricette Recenti

Light: cipolle borettane stufate...

Pubblicata il Ago - 22 - 2017

0 Comment

Vintage: avocado al cucchiaio

Pubblicata il Ago - 6 - 2017

0 Comment

Facile: Polpette al sugo...

Pubblicata il Ago - 5 - 2017

0 Comment

Antica: grattaculi coi fagioli

Pubblicata il Lug - 29 - 2017

0 Comment

Articoli recenti

Le tecniche. Zucchine spinose...

Pubblicato il Mar - 12 - 2017

0 Comment

Le tecniche. Stinco di...

Pubblicato il Nov - 20 - 2016

0 Comment

Le tecniche: pectina di...

Pubblicato il Set - 18 - 2016

0 Comment

Le tecniche. Salse: “Verde”...

Pubblicato il Mar - 20 - 2016

0 Comment