Posted by clara on Nov - 16 - 2012 under Antipasti&Stuzzichini, Bovino, Carne, Carne mista, Fritti, Maiale, Pollame
Ingredients

Carne di vitellone 70%
Carne di maiale 20%
Carne di pollo 10%
Olio evo, sale e pepe qb.
Sedano, carota e cipolla
Aghi di rosmarino
Vino bianco secco qb
Olive di tipo "gentile" o "tenera" denocciolate a mano

Per la farcia o impasto di carne:
Rossi d'uovo
Parmigiano reggiano o grana grattugiati
(350-400 g per ogni chilo di impasto di carne)
Noce moscata grattugiata al momento a piacere

Per friggere:
Farina 00
Chiare d'uovo
Pangrattato fine
Olio d'oliva, o di girasole, o di mais, o strutto

Cuisine: Cooking time: 2 h e 0 mins Serving: A piacere people

 

Old Italian recipe: stuffed olives Ascolana.  Un modo di preparare le olive che è un portabandiera della Città di Ascoli e di tutto l’ascolano. Una ricetta variata, taroccata, reinventata e persino adattata con il ripieno di pesce nella zona costiera marchigiana. Certo in rete c’è di tutto, ma la vera protagonista è e deve rimanere la “Tenera” ascolana in salamoia o “Gentile” (di Chieti), un’oliva indigena dalla polpa straordinariamente ricca rispetto al nocciolo, arriccchita da un trito a base di carne, impanata e fritta.

Bene, oggi cerchiamo di mettere un po’ d’ordine in mezzo a tanta confusione. E mi corre l’obbligo ringraziare la signora Marcella, ascolana  Doc originaria di Montemonaco, alla quale qualche anno fa sono riuscita a strappare la ricetta di famiglia: certo le dosi erano altre, perché ogni volta ne denocciolava e farciva a centinaia. Ma le regole, poche e  rigorose della vera oliva all’ascolana sono sempre le stesse. Vediamo quali:

 

La tradizione per un’ascolana Doc detta:

1) Usare la “tenera” ascolana in salamoia;

2) Non usare carne già macinata cruda

3) Proporzione delle carni: 70% vitellone, 20% maiale, 10% pollo.

4) Proporzione parmigiano o grana 350-400 g ogni chilo di impasto di carne.

5) Tuorli per “impastare” la carne; albumi per l’impanatura.

6) Far riposare l’impasto prima di farcire le olive.

7) Olio evo o strutto per friggere.

8) Denocciolatura a mano delle olive.

 

E adesso mettiamoci all’opera, considerato che ai 400 g dell’impasto che ho fatto io, vanno aggiunti 1 (o 2) rossi d’uovo e almeno 150 g di parmigiano o grana grattugiato. Noce moscata a piacere. Niente sale.

Una precisazione, altrimenti qui si scatena un putiferio: nonostante io abbia cercato in lungo e in largo non ho trovato le “tenere” o “gentili” ascolane per eseguire la ricetta e mostrarvele. Per questo, e solo per questo, ho usato gioco-forza un tipo di oliva ugualmente “di razza” : la “bella” di Cerignola, di foggia più piriforme. Chiedo dunque venia e gli ascolani non me ne vogliano…

 

Esecuzione…

Prepariamo l’impasto: che come già detto dovrà riposare per alcune ore, meglio se per una notte. Puliamo da nervetti e/o pellicine i vari tipi di carne nella proporzione succitata. Tagliamola a dadolini.

Puliamo e tritiamo sedano, carota, cipolla e aghi di rosmarino. In una pentola dal fondo spesso mettiamo a rosolare la carne in olio evo; quindi aggiungiamo il trito di sedano, carota, rosmarino e cipolla e facciamo appassire, e anche assorbire a fuoco vivo eventuale liquido di vegetazione. Saliamo, pepiamo e bagniamo di vino bianco secco. Lasciamo evaporare a fuoco vivo. Abbassiamo la fiamma, aggiungiamo un mezzo bicchiere di acqua, incoperchiamo e portiamo a cottura aggiungendo via via un poco di acqua. La carne dovrà sempre essere mantenuta morbida affinché alla fine non ne risulti un impasto secco e stopposo.

Quando la carne è tenera, lasciamo il fondo di cottura leggermente liquido. Facciamo intiepidire. Ora possiamo scegliere se tritarla fine fine con un tritacarne o se passarla al frullatore come ho fatto io, inumidendo col liquido di cottura rimasto. Frulliamo o tritiamo tutto, anche il rosmarino ormai disfatto.

Versiamo in una ciotola; aggiungiamo il o i rossi d’uovo, il parmigiano o grana grattugiato e grattiamo a piacere della noce moscata. Impastiamo bene il tutto che dovrà risultare abbastanza morbido. Lasciamo riposare in luogo fresco.

La farcitura: abbiamo denocciolato le olive secondo il metodo spiegato nell’articolo Le tecniche: denoccioliamo le olive ascolane di Cuciniamoinsieme.it. Prendiamo quindi una piccola pallina di impasto ed inseriamola all’interno della spirale di polpa d’oliva. Richiudiamo e stringendo ricomponiamo l’oliva nella sua forma originale. Ripetiamo l’operazione fino ad esaurimento delle olive.

L’impanatura: prepariamo i tre elementi fondamentali come già spiegato nella ricetta del Gran fritto misto all’ascolana, e cioè farina 00, uovo (in questo caso sole chiare) e pane grattugiato fine. Mettiamo farina e pangrattato in contenitori foderati con carta del pane per agevolarci nel lavoro. Battiamo leggermente per scioglierle, le chiare d’uovo. Non saliamo nulla.

Prova oliva: rotoliamo la prima oliva nella farina, poi nella chiara e quindi nel pagrattato stringendo e compattando bene e friggiamola. Se l’impanatura “tiene bene” procediamo così, altrimenti facciamo il seguente passaggio: farina-albume-farina-albume-pangrattato.

Friggiamo tutte le olive tenendo in caldo quelle già dorate. Si tratta di una frittura veloce in quanto dovrà dorare solo l’impanatura essendo la farcia già cotta. Possiamo gustarle da sole come secondo, con una fresca insalatina, come antipasto o stuzzichino, o aggiungerle al già ricco Gran fritto misto all’ascolana. Ma sono buone anche gustate da un cartoccetto di carta-paglia,  di quelli di una volta, passeggiando, come cibo da strada…

 

Cosa beviamo: o un Verdicchio dei Castelli di Jesi o un Falerio dei Colli Ascolani, tanto per rimanere nella regione

 

Massime, citazioni e aforismi: “Il vino, questo nettare sublime, è semplicemente incapace di mentire:  vendemmiato presto o tardi non importa, il vino ti  bisbiglierà in bocca sempre con completa e imperturbabile onestà ogni volta che ne berrai un sorso” (Russel Crowe – attore americano – dal film “Un’ottima annata”)

 

 Note:

tenete presente che indicativamente per farcire ogni oliva vi occorrerano 8-10  g di impasto di carne.

Per una farcia più speziata c’è chi sostituisce la polpa di maiale con della salsiccia di suino, ma non garantisco il risultato…

Se dovesse avanzare dell’impasto potete sempre utilizzarlo per farne delle mini-polpettine e ripassandole al sugo di pomodoro.

 

Il piacere di saperlo…

Uno studioso ascolano, tal Benedettto Marini, datò nel 1800 la nascita delle olive all’ascolana ad opera dei cuochi delle famiglie gentilizie, i quali riunitisi per risolvere un problema comune,  inventarono questa prelizatezza per riciclare le carni cotte o arrostite delle quali diponevano in abbondanza nelle cucine padronali, e frutto dell’aumento delle regalie che gravavano sui mezzadri nei confronti dei padroni delle terre…

Questo è il motivo per il quale si usa sì la carne  tritata, ma solo quella  già insaporita e cotta a pezzi interi in precedenza…

 

 

Testi e foto copyright Cuciniamoinsieme.it. Ne sono vietati l’uso e/o la riproduzione anche solo parziale senza previa autorizzazione

 

 

 

 

 

 

 

Meal: Food type:

One Response so far.

  1. Luigi Fulk ha detto:

    I just want to mention I am just very new to blogs and actually liked your blog. Likely I’m likely to bookmark your website . You actually come with exceptional articles. Thanks a lot for revealing your web site.

Leave a Reply


Ricette Recenti

Mediterranea. Agretti appetitosi in...

Pubblicata il Apr - 5 - 2017

0 Comment

Semplice. Pasta con zucchine...

Pubblicata il Apr - 2 - 2017

0 Comment

Frittatona ai topinambur (carciofi...

Pubblicata il Feb - 27 - 2017

0 Comment

“La patatosa”: base con...

Pubblicata il Feb - 25 - 2017

0 Comment

Articoli recenti

Le tecniche. Zucchine spinose...

Pubblicato il Mar - 12 - 2017

0 Comment

Le tecniche. Stinco di...

Pubblicato il Nov - 20 - 2016

0 Comment

Le tecniche: pectina di...

Pubblicato il Set - 18 - 2016

0 Comment

Le tecniche. Salse: “Verde”...

Pubblicato il Mar - 20 - 2016

0 Comment