Posted by clara on Feb - 21 - 2013 under Contorni, Verdure
Ingredients

Rape bianche con le loro cime all'incirca 1 kg
Cimette di broccoletto una bella manciata
Olio extravergine di oliva
1-2 spicchi di aglio vestito
Peperoncino a piacere
Sale

Cuisine: Cooking time: 40 mins Serving: 4 people

 

Italy. Turnips (rape)  and broccoli with garlic, chilli and olive oil.   Le rape bianche con le loro cime ci hanno accompagnato per tutto l’inverno, e se ne troveranno ancora fino ad aprile nelle zone più temperate dello Stivale.  Se da uno di questi ortaggi non si “cava una goccia di sangue”, recita il detto, di sicuro possiamo gustarne il sapore antico, che richiama a tutti quegli elementi della grassa terra in cui è cresciuta questa radice.

In molti la consumano, cruda in insalata, altri semplicemente bollita e condita con un filo d’olio. Ma la “morte sua”, cioè il modo migliore è cucinarla “ripassata” con le sue cimette in padella. Proprio come facciamo adesso…

 

Esecuzione:

in fase di acquisto scegliamo delle rape che siano turgide e con le cime non ingiallite, segno di frescezza della raccolta. Anche se è inevitabile, trattandosi di radici, trovarne di macchiate e di bacate (indice peraltro  di coltura non  “trattata”). Procuriamoci anche una bella manciata di cimette di broccoletto se vogliamo più verde nel piatto.

Cominciamo con lo staccare le rape dalle cime, e tagliamo anche la parte finale della radice. Peliamole con un pelapatate. Quindi laviamole evitando di lasciarle a bagno in acqua per evitare che se ne imbibiscano. Tagliamole a spicchi. Poi occupiamoci delle cime e dei broccoletti, mondandoli  dagli steli e dalle foglie più dure, macchiate o ingiallite. Laviamo più volte in abbondante acqua e facciamo scolare.

Mettiamo sui fornelli la pentola con l’acqua. A bollore saliamo e versiamo per prime le rape. Dopo una manciata di minuti aggiungiamo il verde.  Abbassiamo la fiamma e lasciamo cuocere al dente girando di tanto in tanto.

In una capace padella mettiamo a scaldare l’olio e a imbiondire l’aglio, che avremo solo schiacciato dentro un foglio di carta da cucina ripiegato, con il batticarne. Togliamo la padella dal fuoco per non bruciarlo e lasciamo intiepidire (così quando aggiungeremo le verdure non schizzerà tutto).

Scoliamo rape e verdure, come abbiamo già detto, al dente, conservando una bella tazza dell’acqua di cottura. Versiamo il tutto nella padella con l’aglio e l’olio. Aggiungiamo la succitata acqua e aggiustiamo di sale (consideranto che il liquido appena aggiunto è già stato salato). Uniamo il peperoncino a piacere e facciamo “saltare” finché il liquido non sarà completamente assorbito, ma senza far asciugare troppo il tutto.

L’utilizzo di un olio di qualità (il che non significa di marca) è il segreto della buona riuscita di questo piatto povero. Serviamo da accompagnamento a delle salsicce (che avremo cotto in padella o alla brace, e che ripasseremo alla fine pure loro con rape e cime), insieme a del pane casareccio. Un bicchiere di buon  rosso farà il resto…

 

Cosa beviamo: proprio per la spartanità del piatto non ci sentiamo di consigliare un vino piuttosto che un altro. Regolatevi con un  rosso o anche rosato, di corposità media, asciutto ma senza note aspre, anche giovane.

 

Curiosità:

la tanto bistrattata rapa è in realtà usata in diverse preparazioni, anche se tavolta “celata” fra altri ingredienti. Come accade in molti tipi di  Giardiniera. Avete capito bene! Quell’insieme di ortaggi ridotti in pezzi e conservati sott’aceto, la cui componente principale, insieme alla carota, è costituita proprio da rape bianche.

Non solo. Queste radici sono  anche ingrediente essenziale, una volta insieme a scarti del maiale, oggi con parti più nobili, della Ciuiga, un insaccato che viene prodotto in casa o in quantità di nichia in provincia di Trento (San Lorenzo in Banale e Dorsino).

E ancora a Livigno (Sondrio), dove una volta sui pascoli degli alpeggi gli stuzzichini di bambini e adulti erano costituiti dalla Laghena de pasola: leggera e pratica da trasportare, era un salame molto  speziato consumato fresco o stagionato,  fatto per la gran parte di rape asciugate nei fienili, cotte e poi macinate insieme a lardo e a parti meno nobili del maiale. Il tutto veniva poi insaporito con aglio e spezie, ed insaccato in budelli di pecora.

Ma la rapa, quella dal colletto viola però,  la ritroviamo anche in diverse ricette regionali tra cui la Brovada (brovade o broade in dialetto friulano), intingolo che accompagna  carni arrosto o bollite realizzata con queste radici messe prima a fermentare nelle vinacce, e poi affettate a listarelle e cotte a lungo insieme, a volte (ai tempi, quando c’erano) a parti grasse del maiale. La risultanza è appunto un intingolo acidulo (simile ai crauti), da cui la ricetta quasi gemella della Brovada del Carso, o carsolina. O anche Rava garda (rapa acida).

Infine, in molti trovano che l’aggiunta delle rape al brodo vegetale gli conferisca una connotazione particolare e più appetitosa.

 

La farmacia del Buon Dio (e delle nonne sapienti…). Contro la tosse lo sciroppo di rape:

rape bianche e zucchero. Questo è il segreto. Due i metodi. Il primo: si affettano sottilmente queste radici e si mettono in un contenitore con coperchio ermetico, intercalando gli strati con manciatine di zucchero, che stimolerà la fuoriuscita dei succhi, addolcendoli. Si lascia a riposo per una notte intera, e se ne beve il liquido secondo le modalità che seguono…

Secondo metodo: si scava una grossa rapa dopo aver tagliato la parte apicale. Nell’incavo che avrete formato versate dello zucchero e tenete a riposo per la canonica notte. Al mattino la radice avrà prodotto il suo liquido, raccolto nell’incavo.

Ne va bevuto un cucchiaio 4 volte al giorno. E pare  funzionasse… Una rapa così trattata, con l’aggiunta di altro zucchero può essere sfruttata per due volte.

Ma come sempre scrivo in questi casi, io non sono un dottore. E’ dunque sempre consigliabile consultare un medico prima di assumere qualsiasi sostanza, pur naturale che sia.

 

Testi e foto copyright Cuciniamoinsieme.it. Ne sono vietati l’uso e/o la riproduzione anche solo parziale senza previa autorizzazione

 

 

 

Meal: Food type:

One Response so far.

  1. Mozella Saragusa ha detto:

    I simply want to tell you that I am just new to blogging and site-building and definitely enjoyed this web blog. Most likely I’m likely to bookmark your blog post . You definitely come with remarkable articles and reviews. Thanks a bunch for sharing your website.

Leave a Reply


Ricette Recenti

Vintage: avocado al cucchiaio

Pubblicata il Ago - 6 - 2017

0 Comment

Facile: Polpette al sugo...

Pubblicata il Ago - 5 - 2017

0 Comment

Antica: grattaculi coi fagioli

Pubblicata il Lug - 29 - 2017

0 Comment

Tagliolini soba (Giappone) al...

Pubblicata il Lug - 23 - 2017

0 Comment

Articoli recenti

Le tecniche. Zucchine spinose...

Pubblicato il Mar - 12 - 2017

0 Comment

Le tecniche. Stinco di...

Pubblicato il Nov - 20 - 2016

0 Comment

Le tecniche: pectina di...

Pubblicato il Set - 18 - 2016

0 Comment

Le tecniche. Salse: “Verde”...

Pubblicato il Mar - 20 - 2016

0 Comment