Posted by clara on Mag - 20 - 2012 under Pesci, crostacei, molluschi e frutti di mare
Ingredients

800 g di filetto di salmone
Un mazzetto di finocchietto selvatico
Pepe rosa in salamoia
1-2 confezioni di pasta sfoglia rettangolare pronta
Sale qb
Eventualmente olio e.v.o.

Per i rustici se dovesse avanzare della sfoglia:
Würstel piccoli
Pasta di acciughe
Verdure

Cuisine: Cooking time: 25-30 mins Serving: 4 people

 

Crusted Salmon with wild fennel and red pepper.    Questa ricetta è nata pensando ai possibili accostamenti di sapori e di colori ad un pesce come il salmone, dal sapore delicato ma anche grasso. Quindi ho pensato al finocchietto, che se saputo dosare ben si sposa con questo pesce, e al mordente che poteva dare al tutto qualche bacca di pepe rosa.

In realtà questo piatto lo realizzai per la prima volta la vigilia di Natale di qualche anno fa, e riscosse un tale successo che l’ho riproposto relativamente spesso. Vi svelo la ricetta affinché per un’occasione importante possiate servire ai vostro ospiti una pietanza raffinata ma veramente di facilissima esecuzione.

E come sempre dico, specie quando gli ingredienti sono pochi, usate prodotti di qualità (che non vuol necessariamente dire di marca), e soprattutto freschissimi. Andiamo in cucina.

 

Esecuzione:

mettiamo il trancio di filetto di salmone sul tagliere. Partendo dalla coda, con le mani stacchiamo dalla pelle un po’ di polpa, quel tanto che basta per poter afferrare saldamente un lembo di pelle. Ora infiliamo la lama del coltello tra pelle e polpa, e tenendola obliqua e premendo sulla pelle spingiamola in avanti per tutta la lunghezza del trancio, fino a spellare completamente il pezzo. E’ importante per questa operazione usare un coltello per sfilettare il pesce. Ma se non l’avete, potete usarne uno da prosciutto con lama stretta, lunga, liscia e flessibile. Bagnare la lama con dell’acqua vi faciliterà il compito.  Rifiliamo il filetto se dovesse servire, togliendo parti di grasso o di pelle o di spine eventualmente rimaste.

Ora srotoliamo su un piano di lavoro adatto la pasta sfoglia, e poniamo su un lato di questa il pezzo di filetto. Saliamolo. Disponiamovi su il finocchietto precedentemente lavato ed asciugato, e distribuiamo qua e là le bacche di pepe rosa. Se vogliamo possiamo dare un giro di olio e.v.o. ma non è necessario.

Pratichiamo sull’altra metà della pasta sfoglia dei tagli a tratti e sfalsati tra loro in modo che tirandola formi una rete, e ricopriamo con questa il pesce.

Inforniamo in forno già preriscaldato a 150° per 20-25 minuti. Dopodiché spegniamo il forno e accendiamo il grill. Alziamo la griglia con la teglia verso il grill e facciamo dorare per qualche minuto.

Sforniamo, sporzioniamo e decoriamo ogni piatto con un ciuffo di finocchietto selvatico e qualche bacca di pepe rosa.

 

Come utilizzare la sfoglia avanzata:

se dovesse capitarvi, come è successo a me, ed avete in casa dei würstel  piccoli o/e della pasta di acciughe, fateci dei rustici, arrotolando una strisciolina o un triangolo di sfoglia su un pezzetto di würstel. O arrotolandola dopo averla spalmata di un po’ di pasta di acciughe. Infornateli se avete un forno abbastanza grande, insieme al salmone: i tempi di cottura sono più o meno gli stessi.

 

Cosa beviamo:  dico sempre che per un piatto speciale ci vuole un vino speciale. Sono stata ben lieta di stappare una perla della Valle d’Aosta: un Blanc de Morgex et de La Salle della Maison Vevey Albert. Questa meraviglia enologica viene prodotta nei vigneti più alti d’Europa, ad una quota che va dai 900 ai 1200 metri.

 

Note:

Acquistate la parte della coda del filetto, perché non avrà spine.

volendo possiamo anche sporzionare il pesce prima di cucinarlo, avvolgendo poi dopo averla condita ogni porzione con la sfoglia.

Contrariamente alle mie abitudini, ho consigliato la pasta sfoglia già pronta in quanto è molto elaborata da fare in casa. Comunque nel prossimo futuro conto di pubblicare la ricetta con le relative immagini nella sezione “Le tecniche” di Cuciniamo insieme.it, per chi volesse cimentarvisi.

 

Curiosità:

lo sapevate che il pepe rosa è detto anche “falso pepe”? Perché in realtà non appartiene alla famiglia, ma è prodotto da una pianta che si chiama Schinus molle, un albero simile per forma al salice piangente, originario degli altopiani di Cile, Bolivia e Perù. Va usato con parsimonia perché contiene sostanze lievemente tossiche, come del resto il prezzemolo se usato in tisane ad alte concentrazioni.

 

Testi e foto copyright Cuciniamoinsieme.it. Ne sono vietati l’uso e/o la riproduzione anche solo parziale senza previa autorizzazione. Cliccare, e poi cliccare ancora sulle foto in basso  per ingrandirle…

 

Meal: Food type:

3 Responses so far.

  1. Pilota ha detto:

    Sai quasi quasi vengo a cena da voi. Un ricetta col finocchietto e salmone: deve essere buonissima

    • clara ha detto:

      hahahha pilota, vieni quando vuoi. sì, l’aqccostamento è inusuale ma non poi così tanto, se pensi che uno degli ingredienti principali della pasta con le sarde è proprio il finocchietto selvatico. Ti assicuro poi che il pepe rosa è proprio la ciliegina sulla torta… ti auguro un buon inizio di settimana 🙂

  2. Homer Malinovsky ha detto:

    I simply want to mention I’m newbie to weblog and definitely loved you’re blog. Most likely I’m likely to bookmark your website . You absolutely come with awesome article content. Regards for revealing your blog site.

Leave a Reply


Ricette Recenti

Mediterranea. Agretti appetitosi in...

Pubblicata il Apr - 5 - 2017

0 Comment

Semplice. Pasta con zucchine...

Pubblicata il Apr - 2 - 2017

0 Comment

Frittatona ai topinambur (carciofi...

Pubblicata il Feb - 27 - 2017

0 Comment

“La patatosa”: base con...

Pubblicata il Feb - 25 - 2017

0 Comment

Articoli recenti

Le tecniche. Zucchine spinose...

Pubblicato il Mar - 12 - 2017

0 Comment

Le tecniche. Stinco di...

Pubblicato il Nov - 20 - 2016

0 Comment

Le tecniche: pectina di...

Pubblicato il Set - 18 - 2016

0 Comment

Le tecniche. Salse: “Verde”...

Pubblicato il Mar - 20 - 2016

0 Comment