The techniques: how skinning and deboning a pork shank. Lo stinco di maiale è economico, e lo si può cucinare in tanti modi. Ha le carni saporite e tenere se ben trattato, ed è ottimo anche solo bollito. Ma alcune preparazioni necessitano che venga tolta la cotenna e/o che venga disossato. E non sempre lo troviamo da comprare già pronto,  soprattutto se lo paghiamo poco.

Oggi impariamo dunque come farlo da noi in casa. Non è difficile se abbiamo un coltello affilato, ed un po’ di pazienza.

 

Esecuzione in 4 step:

-Fase 1, decotenniamo: se intendiamo utilizzare la cotenna, bruciamone le setole alla fiamma del gas, e grattiamola per eliminare i residui. Incidiamo la parte inferiore dello stinco fino a separare due lembi della cotenna nella sezione più corta. Con un coltello affilato a lama liscia stacchiamo quest’ultima dalla polpa facendo attenzione a non tagliare la carne. Procediamo a staccare ruotando lo stinco per tutta la sua circonferenza, fino a separarla completamente.

Possiamo usare la cotenna per riavvolgere lo stinco come abbiamo fatto noi nella nostra ricetta “Stinco in gabbia alle erbe”, oppure utilizzarla per altre preparazioni come “Pasta e fagioli con le cotichelle”, oppure nella nostra  “Zuppa di cavolo nero e fagioli”.

La cotenna, o cotica, dopo sgrassata può anche essere congelata.

-Fase 2, disossiamo: sempre partendo dal basso, stacchiamo il collegamento che unisce nervi e tendini all’osso.

-Fase 3: il muscolo non avvolge interamente  l’osso ; partiamo dunque a disossare dalla zona non ricoperta dalla carne, che corrisponde alla parte anteriore della nostra tibia.

Da lì, tenendo la lama il più possibile vicina all’osso cominciamo a scalcare con movimenti decisi ma non profondi per tutta la lunghezza dell’osso.

-Fase 4: procediamo fino ad incontrare l’osso del perone, leggermente arcuato. Questa è la parte che richiede più attenzione:  questa volta con l’aiuto di un coltellino da scalco, o comunque appuntito ed a lama affilata continuiamo a staccare con pazienza.

Una volta liberato il perone il più è fatto: andiamo avanti come sopra scalcando con tagli decisi ma non profondi fino a staccare del tutto la carne dalla tibia.

In ultimo stacchiamo anche i nervi rimasti, appetitosi da cotti, dall’estremità.

Abbiamo adesso un bel pezzo di polpa che possiamo tagliare a spezzatino, oppure  insaporire e/o farcire come più ci pare. Una volta ricomposto, va legato come un comune arrosto (vedasi la nostra tecnica: “Legare un arrosto”).

 

Massime, citazioni, detti, proverbi, aforismi e frasi…

“Avete presente quante vite può avere un arrosto? Basta un profumo a cambiarne la sorte…” (Gualtiero Marchesi)

 

Testi e foto (ove non specificato), copyright e proprietà intellettuale di Cuciniamoinsieme.it. Ne sono vietati l’uso e/o la riproduzione anche solo parziale senza previa autorizzazione. 

Cliccare, e poi cliccare ancora sulle foto in basso  per ingrandirle…

 

Leave a Reply


Ricette Recenti

Vintage: avocado al cucchiaio

Pubblicata il Ago - 6 - 2017

0 Comment

Facile: Polpette al sugo...

Pubblicata il Ago - 5 - 2017

0 Comment

Antica: grattaculi coi fagioli

Pubblicata il Lug - 29 - 2017

0 Comment

Tagliolini soba (Giappone) al...

Pubblicata il Lug - 23 - 2017

0 Comment

Articoli recenti

Le tecniche. Zucchine spinose...

Pubblicato il Mar - 12 - 2017

0 Comment

Le tecniche. Stinco di...

Pubblicato il Nov - 20 - 2016

0 Comment

Le tecniche: pectina di...

Pubblicato il Set - 18 - 2016

0 Comment

Le tecniche. Salse: “Verde”...

Pubblicato il Mar - 20 - 2016

0 Comment