Pollo arrosto al limone

Italian recipes. Roast chicken with lemon

Una ricetta vintage divenuta un classico sempre vincente quando si vuole un secondo leggero ma saporito, non troppo elaborato e per tutti i palati. Portarlo in tavola sarà sempre un successo...

Tempo di preparazione: 90 minuti

Porzioni: 4-6

Ingredienti: pollo ruspante intero 1; limone non trattato, 1 grande; vino bianco secco 3/4 di bicchiere; sale fino quanto basta; pepe nero di mulinello a piacere; aglio 1-2 spicchi; salvia e rosmarino freschi, qb; olio extravergine di oliva qb; fettine di limone per decorare

Occorrente: spago da cucina

Fase 1

Se intero come nel nostro caso, togliamo le zampe e il collo ad un bel pollo ruspante; evisceriamolo e togliamo anche gli accumuli di grasso. Fiammeggiamolo sul fornello del gas o con la pisola sparafiamma (quella per caramellizzare, per intenderci), per eliminare le piumette residue. Eliminiamo anche la ghiandola dell'uropigio, posta su cosiddetto "boccone del prete".

Laviamolo bene soprattutto all'interno: in questa fase infilando la mano nella pancia sarà facile togliere anche polmoni e reni. Asciughiamolo bene fuori e dentro dopo averlo fatto scolare.

Evisceriamolo, e teniamo da parte zampe, collo, fegato, gricile e cuore: serviranno per un'altra preparazione tipica romana

Fase 2

Con uno stuzzicadenti, unendo i lembi di pelle, chiudiamo l'apertura superiore, quella del collo.

Quindi saliamo generosamente l'interno del pollo e pepiamo. Sollevando leggermente la pelle partendo dai lati inferiori (come da foto) creiamo un passaggio che ci permetta di arrivare dal basso fino alla polpa del petto, cercando di non scomporre il pollo. Quindi saliamo e pepiamo anche lì, da entrambi i lati.

Inseriamo sia sotto la pelle del petto che nella pancia anche delle fettine di aglio, e rosmarino e salvia a piacere.

Bucherelliamo con uno stuzzicadenti un bel limone intero non trattato. Inseriamolo nella pancia del volatile e chiudiamo anche questa apertura con uno stuzzicadenti.

Saliamo e pepiamo l'interno della pancia

Fase 3

Saliamo il pollo anche all'esterno e poniamo anche nell'incavo delle alette salvia e rosmarino.

Con dello spago da cucina leghiamolo bene per mantenerlo in forma. Sotto lo spago possiamo mettere anche due-tre fettine di limone con la buccia.

Ungiamo con buon olio una teglia. Mettiamoci il pollo ed inforniamo in forno statico preriscaldato a 180°. Dopo una decina di minuti bagniamolo con 3/4 di bicchiere di buon vino bianco secco.

Proseguiamo la cottura bagnando con il liquido del fondo tutto il pollo. Non lasciamolo asciugare, quindi quando sarà necessario continuiamo aggiungendo poca acqua calda. A metà cottura solleviamo il pollo in verticale per aiutare la fuoriuscita di parte del liquido che si sarà formato all'interno.

Continuiamo a bagnare fino a doratura (occorrerà all'incirca un'ora e mezza per un bel pollo di oltre un chilo e 200).

Due-tre fettine di limone, ed inforniamo in teglia leggermente oliata, in forno statico preriscaldato a 180°

Fase 4

Sforniamo. Eliminiamo spago e stuzzicadenti. Con un trinciapollo apriamolo. Togliamo il limone, l'aglio e le erbe, e sporzioniamolo.

Poniamo i pezzi su un vassoio da portata o su piatti individuali; irroriamo col sughetto, decoriamo con un ciuffetto di rosmarino e con una fettina di limone e portiamo in tavola. Un secondo domenicale leggero ma saporito e succulento, adatto per tutte le stagioni e particolarmente indicato nel periodo estivo, quando la calura ci fa desiderare pietanze fresche e che non appesantiscano.

Apriamolo. Togliamo il limone, l'aglio e le erbe, e tagliamolo in pezzi

Note

Se avete la fortuna di acquistare un pollo intero, non buttate via zampe, testa e collo, ed interiora. Puliteli ben bene e continuate a seguirci. Vi spiegheremo passo passo cosa farne secondo i dettami di una antica ricetta della cucina romanesca e sabina.

Potete sostituire il vino con del succo di limone, ma attenzione: in questo caso il piatto assumerà una connotazione particolarmente aspra che non a tutti piacerà.

ParOlando in cucina: laccare

Dal punto di vista gastronomico è un termine preso a prestito da un procedimento della cucina cinese, secondo il quale la superficie di un alimento viene spennellata spesso con una soluzione a base di miele, aromi, aceto e salsa di soia durante la cottura arrosto. Generalmente oggi si applica sulla pelle delle anatre e dei maialini. Ne risulta una crosta lucida, saporita e croccante, mentre l'interno rimane succulento e tenero.

Famosa su tutti è l'anatra laccata alla pechinese, un piatto molto elaborato proprio a causa della laccatura, un tempo fatta esclusivamente con miele e acqua bollente, dopo aver staccato la pelle integra dalla carne dell'animale, con maestria, soffiando e gonfiandola "a palloncino" attraverso una cannuccia.

Curiosità: le "uova alla coque" di Maestro Martino (XV Secolo)

"Per fare ova tuffate con la sua cortece
 Metti le ova fresche in l'acqua freda,
 et falle bollire per spatio d'un paternostro o un poco più,
 et cavale fore..."
.

"Per fare uova bollite con il loro guscio
 Metti le uova fresche nell'acqua fredda,
 e falle bollire per il tempo necessario a recitare un Padere Nostro,
 quindi toglile dall'acqua (che sono cotte al punto giusto, NdR)"
.

Un consiglio certamente prezioso per l'epoca, il quindicesimo secolo, quando l'nvenzione degli orologi meccanici per scandire il tempo era agli albori e comunque non così diffusa. Ci giunge dal più importante cuoco europeo del 1400, Maestro Martino appunto, al quale si deve il volume "De Arte conquinaria", considerato un caposaldo della letteratura gastronomica italiana, che testimonia il passaggio dalla cucina medievale a quella rinascimentale.

Cosa beviamo

Sauvignon Blanc

# Galleria fotografica

Un bel pollo ruspante intero Evisceriamolo, e teniamo da parte zampe, collo, fegato, gricile e cuore: serviranno per un'altra preparazione tipica romana Fiammeggiamolo, sul fornello del gas o con la pistola sparafiamma (caramellizzatrice) Eliminiamo la ghiandola dell'uropigio, posta sul "boccone del prete; laviamolo e asciughiamolo bene Con uno stuzzicadenti chiudiamo l'apertura del collo Saliamo e pepiamo l'interno della pancia Staccando parte della pelle arriviamo con le dita fino alla polpa del petto da entrambi i lati: saliamo e pepiamo anche lì Insaporiamoanche con salvia, rosmarino ed aglio sia l'interno della pancia che il sottopelle dei petti ... più o meno abbondantemente, secondo gusti Bucherelliamo con uno stuzzicadenti un bel limone non trattato Inseriamolo nella pancia dell'animale, e chiudiamo anche questa apertura con uno stecchino Saliamo anche l'esterno; un ciuffetto di aromatiche anche nell'incavo delle alette... Leghiamo il pollo con spago da cucina Due-tre fettine di limone, ed inforniamo in teglia leggermente oliata, in forno statico preriscaldato a 180° Dopo una decina di minuti irroriamo con buon vino bianco secco Bagniamo di tanto in tanto col fondo di cottura Teniamo il fondo sempre bagnato aggiungendo via via mezzo bicchiere di acqua calda ...e continuiamo a "laccare" bagnando tutta la superficie, fino a cottura Sforniamo, ed eliminiamo stecchini e spago Apriamolo. Togliamo il limone, l'aglio e le erbe, e tagliamolo in pezzi Disponiamoli su un vassoio da portata o piatti individuali decorando con limone e rosmarino; irroriamo col sughetto Pollo al limone. Fresco, non elaborato, e per tutti i palati: portarlo in tavola è sempre un successo...

# Ricette affini