Pan del doge (Venezia antica)

Recipe really ancient of Venice, Italy: Bread of the Doges

Tutto è nato da una discussione che ho aperto su un forum di cucina: mi era giunto all’orecchio il nome di un dolce dalle origini antiche, il Pan del Doge, di evidenti origini veneziane. E dopo debite e approfondite ricerche in rete ne avevo saputo qualcosina di più (ad esempio che è un tipico dolce natalizio), ma non la ricetta, che chiesi appunto nella discussione. Se oggi sono in grado di inserirla qui è dunque grazie alla gentilezza di una forumista, che mi diede quella di famiglia.Dovete sapere che quello che forse vi accingete a preparare oggi, anno 2013, è un qualcosa che risale al 1600 del doge Silvestro Valier. Non è affascinante? Un dolce giunto a noi da così lontano nel tempo? Pensateci quando...  amorevolmente vi prego, lo impastate; e quando lo servite raccontate la sua storia: verrà gustato con un pizzico di piacere in più…

Tempo di preparazione: 40 minuti

Porzioni: a piacere

Ingredienti: 200 gr burro; 100 gr zucchero; 250 gr. farina bianca; 50 gr. noci tritate; 60 gr. miele; 3 uova intere; 100 gr. uvetta sultanina; 80 gr pinoli; sale; rhum; vanillina; 5 grammi lievito per dolci

Per ultimare la torta: 1 noce di burro; zucchero a velo q.b.

Per servire: 75 gr di marmellata di arance; il succo filtrato di 4 arance

Fase 1

Prima di tutto mettete ad ammollare un’oretta prima e anche più l’uvetta nel Rum. Tritate grossolanamente le noci. Fate fondere il burro a bagnomaria o nel microonde. Se possibile in una planetaria (altrimenti con uno sbattitore elettrico in un apposito contenitore) versate il burro ed amalgamatelo bene con lo zucchero ed il miele.

Tritiamo grossolanamente le noci sgusciate

Fase 2

Aggiungete le uova e fatele incorporare bene. A questo punto unite le noci, l'uvetta strizzata, la vanillina, un pizzico di sale e la farina con il lievito dopo averli setacciati insieme. Lavorate bene l’impasto fino a farlo diventare soffice, omogeneo e liscio.

Dopo aver sbattuto bene, aggiungiamo noci tritate e uvetta ammollata nel rum

Fase 3

Imburrate uno stampo da 27 cm e tondo; ungetelo con una nocetta di burro ed infarinatelo, anche sui bordi interni; eliminate la farina in eccesso. Versatevi il composto, e battete leggermente la teglia sul piano di lavoro per tutta la sua circonferenza in modo da livellare il contenuto. Cospargete la superficie di pinoli.

Appena sfornato...

Fase 4

Mettete la teglia nel forno statico che avrete preriscaldato a 180° e cuocete per 40 minuti. Quando è freddo sformate il dolce. Intanto avrete messo a temperatura ambiente la noce di burro; con questo ungete un pennello da cucina e spalmate la superficie del dolce di burro: ne basta un velo, tanto da far aderire lo zucchero a velo che vi spargerete subito dopo. Accompagnate la torta con una salsa di arance fatta così: sciogliete in un pentolino a fuoco basso la marmellata di arance allungata col succo delle arance stesse, e mescolando bene. Servire in salsiera lasciando che ogni commensale se ne serva, oppure versate a specchio sul piattino da dolce un po’ di salsa ed adagiatevi su una fetta di Pan del Doge.

Un velo di buon burro...

Note

Facilissimo da fare. Non vi preoccupate se quando lo mettete in tortiera l'impasto vi sembrerà poco, perché nonostante il poco lievito, si gonfia bene, se lo lavorerete a lungo.

Si tratta di un dolce natalizio, ma è talmente buono che nulla vieta di farlo durante tutta la stagione fredda.

Vi consiglio di controllare la cottura poco prima dello scadere dei 40 minuti, perché viene un po' brunito. Magari toglietelo dal forno qualche attimo prima.

Curiosità

Chi era il doge il cui nome è indissolubilmente legato a questo pane: figlio unico di Bertuccio Valier (o Valiero) doge dal 1656 al 1658, appena diciannovenne si sposò con Elisabetta Querini e divenne procuratore tramite l’esborso di denaro. Secondo i cronisti non aveva qualità particolari se non una bella presenza ed un notevole eloquio. Durante la sua carriera politica si dedicò soprattutto alla vita diplomatica dove poté far sfoggio delle sue qualità. Amante della bella vita era anche munifico con i poveri, e per questo venne sempre molto amato dal popolo.

Deceduto improvvisamente nel luglio del 1700, è sepolto, insieme alla moglie dogaressa ed al padre doge, in un sontuoso mausoleo barocco nella Basilica dei Santi Giovanni e Paolo di Venezia. Rimane il Pan del doge a ricordarlo...

Cosa beviamo

Un vino Passito di buona gradazione, ma anche un vino Moscato o uno spumante Moscato per chi ama le bollicine.

Massime, citazioni, detti, proverbi e aforismi

"Pan e nose magnar da Dose" (Antico detto popolare veneziano)

"Pane e noci mangiar da dogi", come volevasi dimostrare...

# Galleria fotografica

Tritiamo grossolanamente le noci sgusciate Dopo aver sbattuto bene, aggiungiamo noci tritate e uvetta ammollata nel rum Appena sfornato... Un velo di buon burro... ...e lo zucchero a velo aderisce bene Il nostro dolce è pronto, ma manca ancora... ...la deliziosa salsina all'arancia

# Ricette affini