Scorzette golose a modo mio

Solo candite, o anche tuffate in cioccolato fondente o bianco, dolci carezze al palato

Uniamo gusto, gratificazione e convenienza (visti i prezzi in commercio) per una coccola nei momenti in cui si ha voglia di dolcezza, buona anche da offrire ad amici o da regalare, perché fatte in casa le scorzette d'arancia sono sempre apprezzate, specialmente se impreziosite da un buon cioccolato, fondente o bianco, che ne esalta il sapore. La convenienza sta nel fatto che in questo caso dell'arancia usiamo lo "scarto", ovvero quella buccia che getteremmo dopo aver mangiato gli spicchi. Solo la prima di una serie di ricette o di idee per renderle squisitamente edibili...

Tempo di cottura: circa 30 minuti a fuoco medio

Porzioni: 00

Ingredienti: 1 chilo di bucce di arancia spesse - 1 chilo di zucchero semolato - 1 litro di acqua - Due cucchiaini di estratto di vaniglia - 1 fialetta di aroma arancio

Occorrente: una padella capiente

Fase 1

Iniziamo prendendo l'abitudine di comprare arance non trattate e dalla buccia spessa. Laviamole bene prima di portarle in tavola, e dopo aver mangiato l'interno, di volta in volta raccogliamo le scorze. Senza eliminare la parte bianca, poniamole via via in un sacchetto apposito che conserveremo nel congelatore: arancia dopo arancia. scorza dopo scorza, a congelare anziché nella pattumiera, fin quando non ne avremo raccolta una determinata quantità (le dosi indicate sono per 1 kg di scorzette, ne serviranno dunque molte. E non temete siano troppe, perché spariranno in un attimo).

Qualsiasi uso faremo dell'arancia non trattata, non buttiamo mai via le scorze, specie se spesse e profumate, ma congeliamole per usi futuri, come questo...

Fase 2

Preleviamo il nostro chilo di bucce dal congelatore, e senza scongelare tagliamole a striscioline di circa mezzo cm nel lato lungo. Mettiamole a mollo in acqua fredda per un paio di giorni in modo da togliere l'amaro, cambiando l'acqua due volte al giorno. Prendiamo ora una padella capiente e mettiamoci le striscioline scolate. 

Dopo aver tagliato da congelate, e messo a bagno le scorzette per due giorni cambiando l'acqua due volte al giorno, le scoliamo, le pesiamo e mettiamo in una capiente padella

Fase 3

 Aggiungiamo lo zucchero e l'acqua fresca pulita. Per la precisione: calcoliamo pari quantità di zucchero, acqua e scorzette, quindi se abbiamo 1 chilo di scorzette metteremo 1 litro di acqua e 1 chilo di zucchero (se abbiamo 500 gr di scorzette metteremo 500 gr di zucchero e mezzo litro di acqua). Aggiungiamo anche l'estratto di vaniglia e l'aroma di arancio in proporzione (per 1 kg, due cucchiaini di estratto di vaniglia e 1 fialetta di aroma d'arancio).

Facciamo bollire e cuocere mescolando ogni tanto fino a quando si sarà asciugata tutta la parte liquida e lo zucchero non inizierà a cristallizzare leggermente sulle scorzette.

Facciamo cuocere a fiamma media mescolando ogni tanto fino a quando la parte liquida si sarà asciugata e lo zucchero inizia a cristallizarsi sulle bucce

Fase 4

Spegniamo il fuoco e trasferiamo le scorzette su carta forno distanziate tra loro per farle freddare. 

Se ci piace, facciamo sciogliere a bagnomaria il cioccolato che preferiamo (anche bianco con un paio di gocce di aroma di arancio in aggiunta per uniformare il gusto), e tuffiamoci le scorzette, interamente o a metà, e rimettiamole sulla carta forno, e dunque in frigo per una decina di minuti in modo che il cioccolato solidifichi.

Non ci resta che sistemare le nostre scorzette in un contenitore chiuso e tenuto al fresco: così conservate si manterranno a lungo fragranti e goduriose. Sono ottime anche senza cioccolato e possiamo usarle anche in aggiunta ad impasti di dolci, o per decorazioni, morbide e deliziose. Con questo sistema il risparmio è assicurato, oltre alla soddisfazione di averle fatte da noi...


Spegniamo il fuoco e stendiamo le scorzette su un vassoio con carta forno per farle freddare. Le scorzette sono già deliziose così, ma possiamo renderle golose tuffandole nel cioccolato o nel cioccolato bianco

Note

Naturalmente lo stesso procedimento vale anche per scorze d'arancia non congelate

venere

# Galleria fotografica

Qualsiasi uso faremo dell'arancia non trattata, non buttiamo via le scorze, specie se sono spesse e profumate Dopo aver messo a bagno le scorzette per due giorni cambiando l'acqua due volte al giorno , le scoliamo, le pesiamo e mettiamo in una capiente padella Calcoliamo pari peso di zucchero , acqua e scorzette quindi se abbiamo 1 chilo di scorzette metteremo 1 litro di acqua e 1 chilo di zucchero , se abbiamo 500 gr di scorzette metteremo 500 gr di zucchero e mezzo litro di acqua , aggiungiamo l'estratto di vaniglia in proporzione e anche la fialetta di aroma di arancio Mescoliamo e accendiamo il fuoco Facciamo cuocere a fiamma media mescolando ogni tanto fino a quando la parte liquida si sarà asciugata e lo zucchero inizia a cristallizarsi sulle bucce Spegniamo il fuoco e stendiamo le scorzette su un vassoio con carta forno per farle freddare. Le scorzette sono già buone e golose così e si possono utilizzare per decorazioni o in aggiunta di impasti per dolci La nostra golosità però non ha limiti e quindi rendiamo le scorzette ancora più goduriose e facciamo sciogliere del cioccolato bianco a bagnomaria con due gocce di aroma di arancia , intingiamoci le scorzette per intero o a metà e adagiamole sul vassoio con carta forno che riporremo in frigo a solidificare per circa 10/15 minuti . Stessa cosa la faremo col cioccolato fondente . Riponiamo le scorzette in contenitori con coperchio Serviamo e offriamo con gioia le nostre scorzette ai nostri ospiti che ci faranno sicuramente i complimenti , teniamo le scorzette in un luogo fresco e asciutto per poterci gustare al meglio la loro bontà