Posted by clara on Mar - 15 - 2012 under Pasta
Ingredients

Un chilo di vongole fresche
300 g di asparagi selvatici
Sale e olio evo qb
400-500 g di spaghetti
Peperoncino a piacere
1 spicchio di aglio
Cuisine: Cooking time: 15 mins Serving: 4 people

Lavate bene le vongole e tenetele a bagno in acqua e sale fino per una mezz’oretta. Scolatele e mettetele in una pentola, senza null’altro. Incoperchiate e fatele aprire a fuoco vivo, girandole di tanto in tanto con un forchettone. Attenzione perché la preziosa acqua di vegetazione tende a schiumare e a fuoriuscire dalla pentola. Quindi tenetela sempre d’occhio. Bastano pochi minuti perché si aprano tutte. Fatele freddare, sgusciatele, filtrate l’acqua e tenete tutto da parte.

In una padella capace di contenere anche la pasta, fate soffriggere in olio evo uno spicchio d’aglio vestito tagliato a metà, aggiungete la parte edule degli asparagi selvatici, salate poco e portateli a cottura aggiungendo via via un po’ di acqua calda (bastano una decina di minuti a fuoco vivo). Non fateli mai asciugare troppo. Aggiungete l’acqua di vegetazione delle vongole, fatela asciugare un paio di minuti e versatevi gli spaghetti che nel frattempo avrete colto molto al dente. Aggiungete il peperoncino e mantecate a fuoco vivo finché tutto il liquido non sarà assorbito. Se occorre aggiungete un po’ di acqua di cottura della pasta. Impiattate, spolverizzate con ancora un po’ di peperoncino se vi piace e servite.

Note:
Solitamente uso la pasta di Gragnano, che ritengo sia la migliore

Volutamente non ho messo vino per non soffocare il gusto degli asparagi selvatici. Idem per il prezzemolo

Usate sempre aglio rosso, più profumato e al momento non ancora imitato dai cinesi

Per separare la parte edule dalla parte legnosa degli asparagi afferratene uno per volta con entrambe le mani verso il centro della sua lunghezza e piegatelo: si romperà da solo nel punto giusto.

Se ne avete abbastanza non buttate i gambi. Puliteli bene, lessateli in acqua poco salata e poi passateli al passaverdure, che separerà la polpa dalla parte fibrosa, che butterete. La cremina ottenuta è ottima per minestre e vellutate. Stessa cosa vale per l’acqua nella quale avrete lessato i gambi. Idem per quelli coltivati

Le vongole meritano un capitolo a parte. Solitamente uso quelle chiamate lupini, che anche se spesso sono più piccole, trovo molto più saporite. Anche perché in realtà quella di mangiare la vera vongola verace è solo un’illusione. La “Vera” verace mediterranea è praticamente scomparsa, e al suo posto è stata introdotta sul mercato una vongola filippina, meno saporita e che si distingue dalla verace per i sifoni (o corna), che in quella nostrana mediterranea sono nettamente separati, mentre nella filippina sono decisamente uniti (come si evince dalle foto. Eh sì, perché ho dovuto usare le veraci x questa ricetta, in quanto i lupini erano finiti, sich!). Quindi w i lupini!!

Meal: Food type:

7 Responses so far.

  1. rosalba ha detto:

    abbiamo letto la ricetta …..ci hai fatto venire una voglia di vongole…. ahimè io sto per l’ennesima volta a dieta e soffro un pò.
    hai qualche ricetta gustosa ma dietetica da proporre?

  2. Sheila ha detto:

    Amazing!

  3. Luigi Fulk ha detto:

    I simply want to say I am just beginner to blogging and site-building and actually enjoyed your web blog. Likely I’m planning to bookmark your website . You surely have wonderful article content. Bless you for sharing your web-site.

Leave a Reply


Ricette Recenti

Mediterranea. Agretti appetitosi in...

Pubblicata il Apr - 5 - 2017

0 Comment

Semplice. Pasta con zucchine...

Pubblicata il Apr - 2 - 2017

0 Comment

Frittatona ai topinambur (carciofi...

Pubblicata il Feb - 27 - 2017

0 Comment

“La patatosa”: base con...

Pubblicata il Feb - 25 - 2017

0 Comment

Articoli recenti

Le tecniche. Zucchine spinose...

Pubblicato il Mar - 12 - 2017

0 Comment

Le tecniche. Stinco di...

Pubblicato il Nov - 20 - 2016

0 Comment

Le tecniche: pectina di...

Pubblicato il Set - 18 - 2016

0 Comment

Le tecniche. Salse: “Verde”...

Pubblicato il Mar - 20 - 2016

0 Comment