Insolita: spigarielli e cavulitti ripassati, ovvero Minestra napoletana

Cabbage sprouts cooked in a pan

Questa è la dimostrazione della variegata tipologia di broccoli e cavoli prodotta in Italia. La Minestra napoletana  (o "Menestra") che a volte capita di trovare sui banchi dei mercati rionali (più raramente al nord e nel Lazio), di sovente in Campania e più a sud, altro non è che la mescolanza del Broccolo riccio a getti di Napoli  (o "spigarielli", che niente hanno a che vedere con i broccoletti "friarielli"), e del Cavolo broccolo a getti (o "cavulitti", come li chiamava mia nonna). Entrambi si distinguono per la colorazione verde cupo e quasi "salvia-argentea" delle foglie. Come i fratelli della stessa famiglia, anche questi sono ottimi per frittate o contorni, per condire paste o farcire torte salate. Non sono poi particolarmente amari, quindi superbi se cucinati a crudo così come vi mostriamo noi, all'insegna della semplicità...

Tempo di preparazione: 40 minuti

Ingredienti: minestra napoletana (spigarielli e cavulitti); buon olio extravergine di oliva qb senza lesinare; aglio in spicchi, vestiti e schiacciati, a piacere; sale quanto basta; peperoncino secondo gusti

Fase 1

Prima mondiamo i getti già lavati e sgrondati dopo aver eliminato le parti eventualmente ingiallite: tagliamo la parte più dura del gambo dopo aver staccato le foglie più basse (se tenere non buttiamole). Per agevolare la cottura possiamo anche incidere in parte l'estremità del gambo tagliata di fresco.

ed eliminiamo la parte dura, lasciando solo l'intero getto commestibile

Fase 2

In una padella capace di contenere tutta la"Minestra", lasciamo imbiondire 1-2 spicchi di aglio vestito e schiacciato, in buon olio extravergine di oliva (non lesinate). Quindi aggiungiamo le nostre verdure (se non dovessero entrarvi tutte, mettiamone una parte, e la restante solo dopo che la prima si sarà "abbassata").

Uniamo quindi almeno un paio di bicchieri abbondanti di acqua calda o bollente. Saliamo con poco sale grosso.

Saliamo e aggiungiamo acqua bollente

Fase 3

Proseguiamo la cottura girando di tanto in tanto, ed aggiungendo altra acqua se necessario. Verso fine cottura eliminiamo l'aglio ed aggiungiamo del peperoncino a piacere. Non facciamo asciugare troppo il fondo.

Possiamo gustare questo controno rustico caldo o freddo, come accompagnamento di altre pietanze, o da solo. Il suo masssimo? Stretto stretto fra due belle fette di pane casareccio, come facevano una volta...

E portiamo a cottura evitando di asciugare troppo il fondo

Cosa beviamo

Bianco, rosso o rosato della casa, va bene tutto purché non dolce. E comunque a seconda della pietanza che accostiamo a questa verdura.

Massime, citazioni, detti, proverbi e aforismi

"La verdura è una pietanza che vuol olio in abbondanza..." (Vecchio detto popolare)

"Jennaru zappatore; febbraru potatore; marzu broccolaru; abbrile fiorellaru; maju cerasaru; giugnu fruttarolu; luju metetore; austu briccocolaru; settembre ficoraru; ottovre ivaru; novembre vinaru; decembru frittellaru".

Una volta erano detti e proverbi a scandire la stagionalità dei prodotti della natura, e quindi i lavori da fare nelle campagne mese dopo mese, per l'arco dell'anno, quando ancora non si parlava di ninjo, ninja o buco nell'ozono... Come si evince da questo antico proverbio di Castel Madama (Roma) che A. Moreschini ha raccolto nel suo volume "Casteju bbeju tuttu vantu":

"Gennaio zappatore (si zappa la terra); febbraio potatore (si potano gli alberi); marzo broccolaru (si seminano-raccolgono gli ultimi broccoli); aprile mese dei fiori; maggio il mese delle ciliegie; giugno frutta o fruttuoso; luglio mese della mietitura; agosto mese delle albicocche; settembre mese dei fichi; ottobre mese dell'uva; novembre mese del vino; dicembre mese delle feste e delle frittelle".

# Galleria fotografica

A sinistra, Broccolo riccio a getti di Napoli, o spigarielli; a destra Cavolo broccolo a getti, o cavulitti Eliminiamo le foglie eventualmente ingiallite; laviamoli e sgrondiamoli... ...stacchiamo le foglioline fino alla parte tenera del gambo ed eliminiamo la parte dura, lasciando solo l'intero getto commestibile In padella facciamo imbiondire l'aglio vestito e schiacciato in abbondante olio; uniamo la minestra Saliamo e aggiungiamo acqua bollente Giriamo e a piacere uniamo del peperoncino Aggiungiamo via via altra acqua se serve... E portiamo a cottura evitando di asciugare troppo il fondo Serviamo la minestra napoletana come ottimo contorno rustico e saporito Buonissimi anche da soli, con del buon pane casareccio Adattissimi anche per accompagnare secondi leggeri, o robusti, come queste fette di sanguinaccio di maiale

# Ricette affini